Escursione al Eremo San Giovanni Orfento

0
Best Seller
A partire da€25
Prenota
Richiesta info
Nome*
Tel*
Email*
Messaggio*
*Accetto i termini Privacy e Cookies.
Accetta i terminini sopra e procedi
Il tour non è ancora disponibile.

PRENOTA

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

1948

Qualche domanda?

Non esitare a contattarci!
+39 391 30 63 371
info@abruzzowild.com

Prenota senza Pensieri!

  • Cancellazione Gratuita
  • Assistenza 7 su 7
  • Tour e attività selezionate con cura
  • 7 Ore
  • Gruppo : 10 - 15 Persone
  • In giornata
  • Difficoltà: E- Media
  • Distanza: 14km
  • Età Minima: 12+

UN VIAGGIO FRA GLI EREMI CELESTINI DELLA MAJELLA – Eremo San Giovanni Orfento

Luoghi impervi e selvaggi a tratti ricchi di testimonianze sulle tradizioni abruzzesi e sulle storia dell’uomo, la Majella spirituale

Saremo totalmente immersi nelle bellezze della natura selvaggia che è da sempre amica e compagna di chi cerca se stesso e la dimensione spirituale nella solitudine e contemplazione.

Muovendoci per lo più sul Sentiero dello Spirito, comprenderemo perché la Majella Occidentale è stata scelta da Pietro da Morrone: qui i paesaggi e gli ambienti si manifestano in tutto il loro fulgore con pareti rocciose che diventano imponenti fino a divenire veri e proprio canyon; con l’acqua che scorre abbondante in fiumi e torrenti cristallini, a garantire costantemente linfa vitale per la flora e la fauna.

EREMO DI SAN GIOVANNI ALL’ORFENTO: IL NIDO NELLA ROCCIA

Percorreremo le vie dove un tempo i pastori erano di casa e raggiungeremo, immersi nella natura più incontaminata, l’ Eremo di San Giovanni, forse il più suggestivo fra gli eremi celestini.
Solo pochi avranno l’ardire di entrarci. I più si fermeranno ad ammirarlo dal roccione antistante: comprenderemo come un tempo si riuscisse a vivere in luoghi isolati come questo e allo stesso tempo scopriremo la pace che solo questi posti regalano. Non a caso venivano infatti scelti come luoghi di eremitaggio o comunque di culto: le energie che la natura racchiude fra queste rocce, fra i suoi alberi e le sue acque, sono rare e preziose.

Rivivremo quindi lo spirito dei tempi andati, fra i ricordi di pastori che in ogni epoca usarono lo sgrottamento come rifugio, e la storia di uno degli uomini più contraddittori e carismatici del XIII secolo, Pietro da Morrone alias Pietro Angelerio, altrimenti detto Celestino V.

Forse uno dei percorsi più ricchi di stimoli che l’Abruzzo possa regalarci:

Viaggeremo a ritroso nel tempo, a partire dal secolo scorso, in cui erano ancora vive alcune delle più radicate tradizioni agro-silvo-pastorali della zona, dove ogni piccolo paese o contrada doveva garantirsi l’autosufficienza anche nei mesi più difficili, sfruttando risorse impensabili per noi abituati agli infiniti agi delle nostre case;
All’interno dell’Eremo scopriremo una delle opere più avanzate di ingegneria idraulica del XIII secolo d.c. e proveremo ad immaginare come fosse la struttura dell’eremo quando era ancora abitato dai monaci celestini.
Lungo il percorso ci affacceremo sulla Valle dell’Orfento, lì dove volteggia l’aquila che ha scelto di nidificare fra le sue pareti.

 

Galleria Escursione Giovanni Eremo

Equipaggiamento necessario Orfento Escursione Giovanni

  • Zaino per escursione
  • Scarponcini da trekking (obbligatorio)
  • Maglietta intima
  • Maglione o pile pesante (obbligatorio)
  • Guscio goretex o similare antipioggia (obbligatorio)
  • berretto, guanti (facoltativi a secondo del clima)
  • Bastoncini (facoltativi)
  • Occhiali e crema da sole
  • Pranzo al sacco
  • Acqua (almeno 1,5 l)

INFORMAZIONI ESCURSIONE Orfento Eremo Giovanni

  • Parcheggio: ampia possibilità a ridosso dell’imbocco del sentiero
  • Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo.
  • La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato o preparazione adeguata.
Particolarità dell’escursione Escursione Orfento Eremo
  • Possibilità di incontrare animali selvatici come Cervi, Caprioli, Lupi, Volpi e aquile
  • In questo periodo sul Corno Grande è possibile osservare varie specie di fiori tra cui il Narciso, primule, anemoni